Shine bright like a Reiner

Photo courtesy of Sonja Haiden

Non ci sono dubbi: negli ultimi anni la moda nelle arene del Reining é molto cambiata. In passato, il “protocollo” vedeva una semplice camicia in cotone (solitamente in colori non troppo sgargianti) abbinata al sottosella. Poi, lentamente, le amazzoni hanno iniziato a fiorire e a volere qualcosa di più. Così, hanno fatto la loro comparsa capi decorati con brillantini e paillettes, fino ad arrivare a giacche del tutto simili a quelle indossate nelle classi All Around. Per indagare sulle cause di questo cambiamento e sui suoi sviluppi, ho intervistato Sonja Haiden, stilista del brand di abbigliamento da gara La Bombastic. Sonja, che ha vestito campionesse mondiali, Futurity e Derby Champions, ha risposto a tutte le mie domande con la gentilezza che sempre la contraddistingue .

  • Credo che negli ultimi anni la moda nelle arene del Reining sia molto cambiata, tu cosa ne pensi? C’è una maggiore attenzione per il look e per i dettagli?

Si infatti ! Negli ultimi 5-6 anni anche le amazzoni del Reining si sono avvicinate molto allo stile All Around.

  • Ci sono dei disegni, delle decorazioni, o dei motivi che sono più adatti per il Reining piuttosto che per altre discipline?

Rispetto alle classi All Around, hanno preso piede camicie pitturate a mano in base ai gusti e alle richieste della cliente. Per quanto riguarda le altre decorazioni, Reining e Performance sono complementari.

  • Quali sono i modelli più richiesti dalle reiner?

Alle reiner piace molto il pizzo, simbolo di femminilità ed eleganza. Rispetto alle classiche giacche utilizzate nelle discipline di Performance, prediligono colletti alti o doppi e scollature più profonde.

  • La stagione di gara 2017 è appena iniziata… quali trend vedremo in arena quest’ anno?

A partire dal 2015/2016 si sono visti sempre più gilet (classici o con il colletto alto) anche nelle arene del Reining. Quest anno sono molto di moda anche i nuovi bolero vest. Per quanto riguarda le decorazioni non ci sono dubbi: simmetria e geometria.

  • Stai creando parecchi boleri… sono capi che piacciono alle reiner?

Si, a me piacciano moltissimo! Grazie ai primi due che ho creato, questi gilet hanno preso subito un posto nel cuore delle Reiner.

  • Quanto la moda negli USA influenza quella europea?

Molto. Sia nei modelli che nello stile delle decorazioni.

  • Alcune reiner ti hanno chiesto chaps colorati o sono più affezionate alle tonalità “classiche” (nero, cioccolato, panna)?

Rispetto alle classi All Around si vedono pochi chaps colorati; però si sono aggiunte alcune sfumature delle tonalità classiche. Sono presenti più toni di marrone, cognac, grigio e sabbia, grazie alla mia cara amica Kata Fay.

  • Vorresti aggiungere qualcosa?

Vorrei augurare a tutti i miei amici e clienti una splendida stagione di gare e tanta fortuna e salute per cavalli e cavalieri! And have Fun in the show ring!

Vorrei ringraziare Sonja Haiden per la sua gentilezza e disponibilità a rispondere alle mie domande.

Dunque, voi cosa indosserete per questa stagione da gare?

Come ottenere un makeup da urlo con Devin Territo

Photo courtesy of Devin Territo

Ogni amazzone vuole essere splendida in arena. Prestiamo molta attenzione all´  outfit, alla sella, al sottosella, ai capelli… tutto è perfetto. Un buon makeup completa il look. Ma, a volte, può essere difficile truccarsi bene oppure non sappiamo quali colori e/o prodotti usare. Per questo ho fatto alcune domande alla famosa truccatrice Devin Territo. Devin crea dei makeup divini ed è stata la makeup artist di alcune World e Congress Champion.

  1. Quali sono i trend nel makeup per la stagione di gara 2017?

Sinceramente non seguo i trend, quindi non te lo saprei dire. Credo che ciò che rende il makeup così divertente sia il fatto che ciascuno abbia uno stile diverso. Per quanto riguarda il trucco nel 2017, da parte mia, vedrete molti look drammatici; sono i miei preferiti per lo show pen.

  1. Qual è il makeup migliore per un´  amazzone all-around?

Probabilmente qualcosa di neutro che possa abbinarsi a diversi outfit. E ovviamente non possiamo mai tralasciare delle labbra molto audaci.

  1. C´  è un makeup particolare per ogni classe? Per esempio, useresti colori differenti per un cavaliere che showeggia in Western Pleasure piuttosto che per uno che presenta il proprio cavallo in Horsemanship?

No, credo che sarebbe troppo complicato. Coordino il makeup con ciò che indossa l´  amazzone e con l´  immagine che vuole avere, piuttosto che con la classe in cui showeggia.

  1. Spesso le amazzoni non hanno molto tempo per truccarsi. Potresti suggerirci un makeup veloce da fare in 15/20 minuti?

Non potete sbagliarvi con delle labbra audaci. Vi illumineranno il viso e sembrerà che vi siate impegnate molto, quando in realtà avrete impiegato solo un paio di minuti.

  1. Le giornate di gara possono essere molto lunghe, qual´  è il segreto per avere un trucco perfetto tutto il giorno?

Il primer, un fondotinta a lunga tenuta e uno spray fissante! Il mio spray fissante preferito è di Skindinavia e fa una grande differenza.

  1. L´  industria del makeup sta producendo molti rossetti in colori “strani” come viola, grigio, nero, ecc. Sono appropriati per le gare? O sono troppo “estremi”?

Se vi piace indossare il viola, il grigio o il nero, fatelo. Non credo che siano troppo estremi se vi sentite a vostro agio quando li indossate. Personalmente non sono colori che userei per le mie clienti ne´   mi sono mai stati richiesti.

  1. Cerchi di usare gli stessi colori dell´  outfit anche nel makeup? Oppure il trucco è un elemento a sé?

Dipende. Se l´  amazzone indossa un outfit rosso, non le applicherò un rossetto dello stesso colore. Potrebbe essere “troppo” e cozzare. Mi piace usare tonalità che completino l´  outfit e non necessariamente che vi si abbinino alla perfezione.

  1. Parteciperai a qualche show in Europa?

Non sono contraria all´   idea! Non sapevo nemmeno che ci fossero persone in Europa che seguono il mio lavoro, è molto eccitante.

  1. Vuoi aggiungere qualcosa?

Si. Penso che il makeup per le gare non debba essere preso troppo sul serio. Alla fine non ci sono regole per quanto riguarda il trucco, quindi indossate quello che vi piace e divertitevi!

Vorrei ringraziare Devin Territo per la sua gentilezza e la sua disponibilità a rispondere alle mie domande, il suo lavoro è di grande ispirazione per tutte noi!

Ed ora forza ragazze… è ora di truccarsi 😉

Gli elementi chiave di un buon outfit

Non importa se stiate sfilando su un tappeto rosso o se siate in arena: la moda costa. Se volete farvi notare, dovete indossare capi di qualità…che sono cari. Ma niente panico, potete avere un buon outfit senza svuotare il conto in banca; dovete solo concentravi su alcuni elementi chiave e comprare il resto successivamente.

Per esempio, una giacca ricoperta di brillantini non è strettamente necessaria. Se avete un capo molto decorato ma gli altri componenti del vostro abbigliamento sono scadenti, non farete una bella impressione sul giudice e sulle persone che vi circondano. All´  inizio, quando dovete “creare” il vostro outfit, sarebbe opportuno acquistare qualcosa di semplice e non molto costoso, magari una camicia di cotone classica.

Quindi su che cosa ci concentriamo?

Innanzitutto sul cappello.

Un buon cappello è un must, in quanto è la prima cosa che il giudice guarderà. É il vostro biglietto da visita: un cappello con una buona piega = un cavaliere professionale. Per ottenere una piega buona e duratura, necessitate di un cappello di qualità. Se dovete iniziare la vostra carriera agonistica, e non avete ancora deciso quali saranno i colori che indosserete, scegliete un cappello “basico”. Eviterei di acquistarne uno colorato (rosso, blu o viola) in quanto, sebbene possa essere bellissimo, è vincolante e poco versatile. Potete invece optare per uno bianco o panna: si abbina con ogni outfit e con qualsiasi mantello equino. Se non prevedete di prendervene cura, forse il bianco non fa per voi ( a meno che non vogliate un cappello sporco alla velocità della luce). Potete quindi orientarvi verso uno nero: va bene con tutto (tranne che con il cioccolato) e non si sporca… insomma è perfetto 😉 Eviterei nastrini, decorazioni al laser e brillantini; magari fra poco tempo non saranno più di moda oppure potreste stancarvene facilmente.

Quindi, se volete un cappello che duri negli anni, acquistatene uno semplice ma di buona qualità.

I chaps.

I chaps sono il secondo elemento chiave per un buon outfit. Devono vestirvi bene, per questo dovete prestare molta attenzione quando vi accingete ad acquistarne un paio. Non devono essere troppo larghi, altrimenti sembrerete goffe e non valorizzeranno la vostra figura; ma non devono essere nemmeno eccessivamente tirati: durante la gara dovete essere comode e, se i vostri chaps sono troppo piccoli, non riuscirete a muovere le gambe in modo appropriato. Se decidete di comprarne un paio in stock, controllate bene le misure e che si adattino alle vostre gambe. Se non siete sicure, scrivete una mail al negoziante o optate per un paio fatto su misura. Con un paio custom made non potete sbagliarvi, vi scivoleranno sulla pelle come un guanto.

Qual è il tipo migliore di pelle? Questo dipende da voi. Ne possiedo un paio di pelle sintetica e li adoro. Sono molto leggeri e sembra quasi di non indossarli… sono quindi perfetti anche in estate. Inoltre, potete trovarli nei colori più strampalati. Se siete preoccupate perché la vostra giacca è di una tonalità strana, non angustiatevi ulteriormente: la pelle sintetica si trova in qualsiasi colore. Anche quella di maiale è molto soffice, ma è un po´   più spessa; inoltre è difficile trovarla in tutti i colori.

Se dovete comprare il vostro primo paio di chaps, ve ne suggerirei uno nero. Come ho detto molte volte, il nero si abbina con tutto ed è eterno. Possiedo dei chaps neri da sei anni e sono ancora perfetti.

Se avete un bel cappello e un buon paio di chaps, siete pronte per affrontare l´  arena. Potrete acquistare una giacca o un sottosella costosi più avanti.

Siete d´  accordo con me? Quali sono secondo voi gli elementi chiave per un buon outfit?